Una caratteristica del Celacanto è che tutto è un divenire. Gli spazi mutano insieme agli arredi in base alle stagioni e alle iniziative che si susseguono. Tutto è improntato alla libera espressione, all’ingegno e alla capacità di leggere i bisogni e inventare nuovi spazi.

Educare al cambiamento e alla Bellezza

Allestire è l’arte di immaginare modi diversi di abitare lo stesso luogo. Giocare coi contesti, adattare gli spazi, creare scenografie è una buona pratica del Celacanto. Forte del suo osservatorio Coppula Tisa, la incoraggia. Abbattere una cattiva abitudine richiede forza di cambiamento, capacità di adattamento continuo a situazioni sempre diverse, è la nostra società che lo richiede. Esercitarci in questa azione sostiene la bellezza del cambiamento, ci predispone al meglio, ci fa evolvere e migliorare.

Un Celacanto che muta, infonde dinamismo, idea di movimento: agirlo, governarlo piano piano, infonde fiducia e prospettiva, elementi necessari per un cittadino che si attiva. Quest’aspetto del Celacanto educa nel piccolo alla relazione con l’ambiente e con gli altri al gioco di equilibrio tra estetica e funzione; perché la bellezza non è mai futile! Direbbe Coppula Tisa.

Al Celacanto poi, tutto è in Galleria! per raccontare l’arte dell’ingegno nel riuso, la maestria della lavorazione artigianale, l’estro e la fantasia che dà colore ed energia. Chi espone diventa parte di questo racconto ed in rete solidale con il luogo e la missione di Coppula Tisa.

Al Celacanto si fa sosta e quindi, crocevia di molti viaggi e cammini. Coppula Tisa è per tutti noi un porta fortuna e un rituale ritrovarsi. Chi vive autenticamente questo luogo, anche solo di passaggio, respira tutto questo.

Commenti chiusi